RIALFrI

Antonio da Tempo, Sonetto

Antonio da Tempo, Summa artis rithimici vulgaris dictaminis, edizione critica a cura di Richard Andrews, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1977 («Collezione di opere inedite o rare», 136).

Edizione digitalizzata a cura di Francesca Gambino
Marcatura digitale a cura di Luigi Tessarolo

 

 
 Plus greu martir de l’inimich s’aprent,
 quanto piú si riceve del suo bene.
 Meglio è ferita che da amico vene
 che fals basier c’hom inoglios atent.
5De plai pasez non es da fer lament,
 che mal ricordo a rei pur si convene;
 e come ’l mare riposo non tene,
 ensi maoves tutzor sans droit content.
 Sempre si torce l’uomo ch’è falace
10d’amer pensir ch’es for de bone loi,
 e la rea mente mai non vive in pace.
 Membre pitet es linga, en voere foi,
 ma di gran fati lingua spesso face
 car pitet feu grant selvaçe destroi.