RIALFrI

Rogeri de Pacienza, Lo balzino

Rogeri de Pacienza di Nardò, Opere (cod. per. F 27), a cura di Mario Marti, Lecce, Edizioni Milella, 1977 (“Biblioteca salentina di cultura”).

Edizione digitalizzata e marcatura digitale a cura di Francesca Gambino

Traduzione di Gianfranco Folena

 

  TESTO TRADUZIONE  
 A voi, nobilissima regina, assai più divina che umana, umilmente io parlo e dico: “I poveri derelitti e miseri galli (Galli), in carcere, per colpe inesistenti, contro il parere del cuoco hanno messo; io son distrutto e magro molto, spennacchiato in più parti, per la guerra del tuo Marte sono vinto; io son venuto qui a Molfetta, io per fare vendetta sono prigioniero. Al sole ardente sto senza bere e mi sento tutto morire dalla gran debolezza. Vostra Maestà ammiri la nobiltà, il nostro dire giusto con parola leale, che non vuole che mal vi comportiate per tale errore. Cantano a tutte le ore della notte e segnano tutti i colpi dell’orologio. Io sono tanto saggio che posso garantire che, se avranno da mangiare e il ventre pieno, di vari accordi faranno le loro canzoni e senza contrasto staranno in pace sotto la grazia vostra, nobile regina. Io ti imploro, se vi piace, di far portare una tazza, sì che possiamo bere, perché il nostro cuore è già consumato; dammi per pietà, ti supplico, dammi una zuppa; e io ti prego di non dir di no ai vostri servitori, che stanno in dolori e in angoscia e in pena continua in mezzo a questi villani che ci insultano. Dammi, regina – io sì mi affidai a te - , che noi beviamo spesso e senza che ce ne manchi; ché per gente franca (Francese) è gran dispetto: moriamo di sete con ali lamenti. Ti piaccia aver di noi pietà per l’intercessione di tuo marito, il re Don Federico, che a tutti i derelitti ha ben perdonato per sua misericordia, e ha fatto tregua e pace col nostro re. Non siamo altro che due poveri gallo (Galli), e di bon cuore e con grande speranza da voi imploriamo il perdono”.
 
 Nota di Mario Marti a p. 335: “La restituzione del testo e la traduzione sono di G. Folena”.
 
 
 V, vv. 1135-1178, pp. 176-78
 
 A lo passar, un miser Salamone,
 che a pie’ col dardo avante lei camina,
 presentao questa supplicacïone
1130da parte de li galli a la regina,
 cum comendarli cum bello sermone
 che liberar volessel la matina;
 letta che l’ebbe li fe’ liberare,
 e ad isso Salamò li fe’ donare:
 
1135A vus, tre noble reyna,
 molt plus divina – che humen,
 humblement – je splen et dis:
 “Le provre mendis – et miser galli,
 in carcere pour falli – sanz raison
1140contre openion – du cuoch han fet;
 ye son disfet – et maicres mult,
 le plumes sepult – in plus part,
 por la gherra de ton Mart – son vinciut,
 i’ so venut – isi a Malfetta,
1145i’ puor far vendetta – son preson.
 Au sol ardent son – sins boyre,
 et tout moyre – du gran deblesse.
 Votre Maiesta noblesse – admire
 notra raison et dire – cum parler real,
1150que no vuol fais mal – par tal errour.
 Canten ad tuot hour – du nuot
 et signan tuot – bot del herloge.
 Ye sont tant sage – que puo conter,
 se havran de manger – et pien son ventre,
1155du vaire tempre – faran lor ciancion,
 et sanz castion – staran in paice
 socto votra grace, – noble reyna.
 Ye te incline, – se a vus plais,
 mander na tais – que possam bour,
1160porqué notro cuor – è je consumé;
 damme, pour pieté – ye te supple,
 doneme a zuppe; – et ye te preg
 ne fer neg – a votre serviteurs,
 que stan in doleurs – et in battaille
1165et peine continuelle, – au mellien
 du questi villien, – que ne blastime.
 Damme reyne, – ye si’m summis,
 nos bouem spis – et pour ne manc
 que a gens franc – e gran dispit:
1170mourem de sit – cum gran gemir.
 Plaise avoir – du nos compassion,
 pour la remission – de ton marit,
 el roy Don Federic, – ch’a tous trespercé
 ha bien pardoné – pour sa grace,
1175et fet tregua et paice – cu notro roy.
 Ne sem plus que doi – galli povre,
 et de bon cuor et – gran sperance
 requirem da vus perdonance”.
 
 Lo riso, la gran festa e gran piacere,
1180che se ebbe de la supplicacïone,
 io non lo poria scriver(e) né redire,
 così la regina, como omne barone,
 videndo el stile varïo del dire
 né francese, taliano o bergognone;
1185ma sì fo fatta per Galli deridere,
 e dar causa a ciascun a posser ridere.
 
 VI, 575-587, pp. 203-204
 
 Partiose el balestrer et andò via
 a fare la commessa / imbassata,
 la quale / in francese la dicia,
570secundo appresso ià sarà notata.
 El castellano po’ li respondia
 cum colera e cum voce assai turbata,
 como audiräi, sequitando appresso
 el balestrer; e questo parla adesso:
 
575– O del ciatel, o vus ciatellen,
 missage suis que veng a vus,
 du parte de sguizari el capitien,
 ce ha vus plè rendre ’l ciatel a l’us,
 over vos fras com a villen,
580ce soffrir ye ne pot plus;
 vos butrè a bas con gran dispit,
 pour esser vus gran trait – .
 
 – Alé, alé, villien, cuchì baiarde?
 pour notre dame, te faré doglios!
585A mon ciatel je teng bone garde,
 mon cuor ne fie de vus pauros.
 Si no alé prest, te menaré ’l bombarde - ,
 
 quel fiero castellano glie respose;
 e ’l capitan per vendicar l’iniuria
590verso el castello mossese cum furia.