FADE s. m.

FADE s. m.

[FEW III, 436b fatum; DEAF, F159 fat; DELI 2 fato; T-L (rinvio) fat; DMF fat; TLIO fato]

0.1 fade.

0.2 Dal latino fatum, der. di fari ‘dire, parlare’. Cfr. Treccani in linea «Originariamente, presso i Latini, la parola della divinità, e quindi il destino irrevocabile (che comprende anche la morte) fissato fin dal principio e a cui nessuno si può sottrarre; al plur., oltre a indicare i detti del veggente che profetava il futuro, fu nome collettivo delle personificazioni del destino».

0.3 Il sostantivo non continua in francese, che si avvale invece del termine destin, destinée.

0.5 1 ‘Entità soprannaturale che determina il corso della vita umana. Anche come personificazione’. 2 ‘Disposizione provvidenziale che non può essere mutata’.

0.6 Francesca Gambino 28.06.2019. Ultimo aggiornamento: Francesca Gambino 28.06.2019.

 

 

1 ‘Entità soprannaturale che determina il corso della vita umana. Anche come personificazione’.

– «Car vos devez savoir que il est defference grant d’entre la Providence divin et le Fade, selonc que se puet demonstrer por tiel esemple.», Bonaventura da Demena, La complainte de Boece, Liber IV,X.

– «Mais tout qu’il soient dos diverses nommes, Fade et Venture, nos demeins si usons et ponons nos sovent li uns por l’autre.», Bonaventura da Demena, La complainte de Boece, Liber IV,X.

 

2 ‘Disposizione provvidenziale che non può essere mutata’.

– «Mais fade si est proprement une sorveniment le quiel nos sorvient d’auchune chouse, laqiele nos parcurons, en celle hore et selonc que ça davant porras veoir por esemple.», Bonaventura da Demena, La complainte de Boece, Liber IV,X.