Venezia, Biblioteca Nazionale Maciana, Francese Z 20 (233)

Contiene il Foucon de Candie

Descrizione materiale

Segnatura: Francese Z 20 (233).

Origine: esemplato a Bologna (nel 1329 appartenne al bolognese Bonifacio Carbonesi).

Data: primo quarto del XIV secolo.

Supporto: cartaceo. La carta è di qualità mediocre e non presenta alcuna filigrana.

Numero di carte: 55.

Formato: 335 × 250, f. 3 mm).

Fascicolazione: acefalo del primo foglio, consta di 55 fogli suddivisi in quaternioni, preceduti e seguiti da due guardie anteriori e posteriori: II, 55 (1-7: I8, per la perdita del primo foglio, avvenuta dopo il 1407 – nell’inventario del 1407 l’incipit si poteva, infatti, ancora leggere – , vv. 1-216; 8-55: II-VI), II.

Rigatura: La rigatura è a mina di piombo con specchio di scrittura 290 × 225 (c. 28v, dove è particolarmente evidente).

Mise en page: In ogni pagina le due colonne contengono tra i 55 e i 62 righi, ad eccezione della c. 55r, in cui la colonna b ne ha solo 31.

Le iniziali di lassa sono colorate a penna alternativamente in rosso e blu, ma sono di dimensioni ridotte e prive di altri elementi decorativi. Il rubricatore deve aver colorato prima le iniziali in rosso e poi quelle in blu, perché a partire dalla c. 32r queste ultime non sono più state eseguite e si leggono chiaramente solo le letterine d’attesa lasciate dal copista. Le lettere di inizio verso sono di modulo leggermente più grande e rilevate a sinistra.

Alla c. 46ra si scorge l’unica rubrica del manoscritto («Dela Çi s’acomença la pax de Leoys et de Tebald»), che ha la funzione di segnalare l’inizio della seconda parte del poema con la lassa 690.

Scrittura: La scrittura, di un’unica mano, è una littera textualis italiana di piccolo modulo:

Il copista utilizza una particolare abbreviazione per et, simile alla cifra 2; non lega la cediglia di ç al corpo della lettera, lasciandola staccata e orizzontale; evidenzia la fine di verso. Alcune maiuscole presentano un disegno distintivo (D, E) (Bisson 2008, pp. 91-92).

A c. 35r un’altra mano aggiunge una breve nota nel margine destro.

Legatura: La coperta è quella comune ai codici restaurati durante il bibliotecariato di Lorenzo Tiepolo, con misure 345 × 260 mm. Sul dorso si legge «FOUQUE | DE CAND. | ROM.» nella seconda casella in alto (su sei).

Foliazione: Una mano ottocentesca ha aggiunto la foliazione in cifre arabe in alto a destra sul recto di ogni foglio, senza tener conto del primo foglio perso. I fascicoli sono numerati nel margine inferiore del verso dell’ultima carta in numeri romani (c. 7v «primis» e nel margine inferiore della c. 8r «seco(n)dus», c. 15v manca, c. 23v III, c. 31v IIII), poi in numeri arabi (c. 39v .5., 47v .6.).

Decorazione: Assente.

Altre informazioni: Sotto l’annotazione di c. 55v (cfr. possessori) sono disegnati in sanguigna un leone rampante con le fauci spalancate e un cavaliere sul suo destriero con un cimiero bicornuto, raffigurato anche sullo scudo tra le sue mani. Nella stessa carta compaiono poi altre quattro iscrizioni di mani diverse: «carte LV» e «Gulielmus de Orenga» (aggiunte probabilmente nel momento in cui il codice entrò nella biblioteca dei Gonzaga); «Nel titolo posto al di fuori del libro sopra le tavolete leggevasi | Gulielmus de orenga» (nota aggiunta probabilmente nel 1738, al momento di approntare la nuova legatura); e infine, vergata dalla mano che alla c. 1r ha scritto venti, «Romanzo provenzale», la stessa definizione che compare nel verso del terzo foglio di guardia del Venezia BNM fr. Z 19.

Segnature antiche: Una prima segnatura è quella che ho menzionato nel margine inferiore della c. 1r a sinistra, venti. Sulla controguardia anteriore figurano la collocazione antica Arm[adio] C – Th[eca] IV (la stessa del ms. Venezia BNM fr. Z 19), poi cancellata e riscritta come LXII – J, a sua volta cancellata, e, nell’interlinea tra queste due segnature, la collocazione ducale CIV. 3 (la stessa del ms. Venezia BNM fr. Z 19); nell’angolo in alto a sinistra figura in un’etichetta cartacea la segnatura attuale «Mss. Francesi | Fondo Antico n.o 20 | Provenienza | Recanati | Giovanni Batt. collocazione 233». Nel verso del primo foglio di guardia è ripetuto in alto a destra in matita CIV. 3, e in un’etichetta di pergamena incollata e centrata si legge «Codice XX. | in foglio, cartaceo, di fogli 55. | FOLCO di Candia, Romanzo, come nel Codice già descritto. Mancano tre pagine del principio», dove si ricopia quanto riportato nel catalogo di Zanetti del 1741. [Cfr. Zanetti 1741, p. 260. In realtà manca solo una pagina, come si evince, oltre che dalla struttura fascicolare presumibilmente simile a quella del resto del codice, dal numero di versi mancanti.]

Possessori: Alla c. 55v si legge a fatica l’annotazione del primo possessore «Iste liber est Bonefacij de Carbone(n)sib(us) de Bononia. An(n)o D(omi)ni MCCCXXVIIII de mense Junii», e poi un’altra indicazione cronologica, «MCCCXXX» (Indicazione quest’ultima riportata da Moreno 1997, ma che non leggo più). Il riferimento a Bologna pare confermato dal fatto che i Carbonesi erano una famiglia bolognese del XII sec. e, in particolare, «si tratta del nobile Bonifacio Carbonesi di Bologna che nel 1338 divenne conte di San Giovanni in Persiceto» (Moreno 1997, p. 24).

Il manoscritto venne acquisito dai signori di Mantova e servì come exemplar per il ms. Venezia BNM fr. Z 19. Fu a Mantova che venne presumibilmente aggiunta l’annotazione «Gulielmus de Orenga», considerato che nell’inventario del 1407 di Francesco Gonzaga (Cfr. Braghiroli et alii 1880, p. 512) il codice è il n. «45. Guilielmus de Orenga. Incipit: Des inuers chi no fo pays frayn. Et finit: unques non veistes gent si ben estre a parlier. Continet cart. 55» (si noti l’errore nella lettura dell’incipit, perduto con il primo foglio, leggibile nel ms. Venezia BNM fr. Z 19, «Oeç un vers chi no fo pax fraym», mentre l’ultimo verso del ms. Venezia BN; fr. Z 20 è in realtà «Unques non veistes gent si bien estre apareler»).

Giovambattista Recanati acquistò il codice tra il 1707 e il 1722, per poi lasciarlo in eredità alla Biblioteca Marciana alla sua morte (1734), per cui si vedano anche qui i timbri di possesso «Biblioteca Nazionale | Venezia | di S. Marco» alle cc. 1r e 55r.

Per la descrizione del codice, cfr. anche Moreno 1997, pp. 23-25; Bisson 2008, pp. 91-93.

Contenuto

Bibliografia

Antonelli – Cassì 2016

Armando Antonelli – Vincenzo Cassì, Brandelli d’epica. II. Foucon de Candie, «Francigena», 2 (2016), pp. 5-33.

 

Arlima

Archives de littérature du Moyen Âge – ARLIMA, administré et dirigé par Laurent Brun, https://www.arlima.net [cons. 25. III. 2020]

 

Bisson 2008

Sebastiano Bisson, Il fondo francese della Biblioteca Marciana di Venezia, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, (‘Sussidi eruditi’, 76), 2008.

 

Braghiroli (et alii) 1880

Willelmo Braghiroli, Paul Meyer, Gaston Paris, Inventaire des mss. en langue française possédés par Francesco Gonzaga I, capitaine de Mantoue mort en 1407, «Romania», 9 (1880), pp. 497-514.

 

Busby 2002

Keith Busby, Codex and Context: Reading Old French Verse Narrative in Manuscript, 2 voll., Amsterdam-New York, Rodopi, 2002.

 

Careri 2001

Maria Careri, Codici facsimilati e tradizione attiva nella Geste des Loherains, «Romania», 119 (2001), pp. 323-356.

 

Careri 2008

Maria Careri, Les Manuscrits épiques: codicologie, paléographie, typologie de la page, variantes, in Acts of the Seventeenth International Congress of the Société Rencesvals for the Study of Romance Epic. (Storrs, Connecticut, July 22-28), «Olifant», 25/1-2 (2006) [ma publ. 2008], pp. 1-21.

 

Careri 2010

Maria Careri, Copisti di testi romanzi ed ecdotica, in Translatar i transferir. La transmissió dels textos i el saber (1200-1500). Primer colloqui internacional del Grup Narpan ‘Cultura i literatura a la baixa edat mitjana’ (UAB, UB, UdG) (22 i 23 novembre de 2007, Barcelona), edició Anna Alberini, Lola Badia i Lluís Cabré, Santa Coloma de Queralt, Obrador Edendum, Publicacions URV, 2010, pp. 41-59.

 

Careri-Rinoldi 2004

Maria Careri, Paolo Rinoldi, Copisti e varianti: codici gemelli nella tradizione manoscritta dellaGeste de Guillaume d’Orange’ e dellaGeste des Loherains’, «Critica del testo», 7/1 (2004), pp. 41-104.

 

Cerquiligni 1989

Bernard Cerquiligni, Éloge de la variante: Histoire critique de la philologie, Paris, Seuil, 1989.

 

Colwell 1969

Ernest C. Colwell, Method in Evaluating Scribal Habits: A Study of P45, P66, P75, in Studies in Methodology in Textual Criticism of the New Testament, Leiden, Brill, 1969, pp. 106-124.

 

DÉAF

Dictionnaire Étymologique de l’Ancien Français. Complément bibliographique, version chantier électronique, rédigé par Frankwalt Möhren,  http://www.deaf-page.de/fr/bibl_neu.php [cons. 25. III. 2020].

 

Divizia 2011

Paolo Divizia, Fenomenologia degli “errori guida”, «Filologia e critica», 36/1 (2011), pp. 49-74.

 

Gambino 2020

Francesca Gambino, Interpolazioni e lasse inedite del «Foucon de Candie» francoitaliano, «Revue de linguistique romane», 84 (2020), pp. 111-175.

 

Havet 1911

Louis Havet, Manuel de critique verbale appliquée aux textes latins, 2 voll., Paris, Hachette, 1911; rist. anast. Roma, “L’Erma” di Bretschneider, 1967.

 

Huot 1993

Silvia Huot, The Romance of the Rose and its Medieval Readers. Interpretation, Reception, Manuscript Transmission, Cambridge, Cambridge University Press, 1993.

 

Ker 1979

Neil Ripley Ker, Copying an Exemplar: two Manuscripts of Jerome on Habbakuk, in Miscellanea codicologica F. Masai dicata, 2 voll., Gand, E. Story-Scientia S.P.R.L., 1979, vol. I, pp. 203-210.

 

Marchetti 2015

Federico Marchetti, Un caso di eliminatio codicum descriptorum nella tradizione della ‘Commedia’, «Filologia Italiana», 12 (2015), pp. 49-60.

 

Marchetti, 2019

Federico Marchetti, ‘Scribal behaviour’ e ‘scribal habits’: un problema metodologico. Fenomenologia dei codices descripti, Dottorato in Scienze Umane, tutori proff. Paolo Trovato e Rossend Arqués Corominas, ciclo XXXI, Università degli Studi di Ferrara, 2019.

 

Moreno 1992

Paola Moreno, Sui manoscritti veneziani del ‘Foucon de Candie’, «Medioevo romanzo», 17 (1992), 197-199.

 

Moreno 1997

Paola Moreno, La tradizione manoscritta del ‘Foucon de Candie’. Contributo per una edizione, Napoli, Liguori, 1997.

 

Novati 1890

Francesco Novati, I codici francesi de’ Gonzaga secondo nuovi documenti, «Romania», 19 (1890), pp. 161-200.

 

Reeve 2011

Michael D. Reeve, Eliminatio codicum descriptorum: a methodological problem, in Manuscripts and Methods. Essays on Editing and Transmission, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2011, pp. 145-174.

 

RIALFrI

Repertorio Informatizzato dell’Antica Letteratura Franco-Italiana, diretto da Francesca Gambino, Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari, Università degli Studi di Padova, http://www.rialfri.eu/rialfriWP/ [cons. 25. III. 2020].

 

Schultz-Gora 1909, 1915, 1936

Herbert le duc de Danmartin, Folque de Candie, von O[skar] Schultz-Gora, 3 voll., Dresden-Halle-Jena, Niemeyer, 1909, 1915, 1936 (‘Gesellschaft für romanische Literatur’, 21, 38, 49).

 

Schultz-Gora – Mölk 1966

Herbert le Duc de Danmartin, Folque de Candie, Einleitung, von Ulrich Mölk, vol. 4, Tübingen, Niemeyer, 1966.

 

Shipley 1904

Frederick William Shipley, Certain Sources of Corruption in Latin Manuscripts. A Study Based Upon Two Manuscripts of Livy: Codex Puteanus (Fifth Century), and its Copy, Codex Reginensis 762 (Ninth Century), New York, The Macmillan Company, 1904.

 

Timpanaro 1985

Sebastiano Timpanaro, Recentiores e deteriores, codices descripti e codices inutiles, «Filologia e critica», 10/2-3 (1985), pp. 164-192.

 

Tyssens 1988

Madeleine Tyssens, La tradition manuscrite et ses problèmes, in L’épopée. Typologie des sources du Moyen Âge occidental 49, Turnhout, Brepols, 1988, pp. 229-250.

 

Varvaro 1999

Alberto Varvaro, Il testo letterario, in Lo spazio letterario del medioevo, direttori Piero Boitani, Mario Mancini, Alberto Varvaro, 2. Il Medioevo volgare, La produzione del testo, vol. I, Roma, Salerno, 1999, vol. I, pp. 387-422.

 

Varvaro 2001

Alberto Varvaro, Élaboration des textes et modalités du récit dans la littérature française médiévale, «Romania», 119/1-2 (2001), pp. 1-75, poi in Id., Identità linguistiche e letterarie nell’Europa romanza, Roma, Salerno, 2004, pp. 285-355 [da cui si cita].

 

Zanetti 1741

Anton Maria Zanetti, Latina et italica D. Marci Bibliotheca codicum manu scriptorum per titulos digesta, [Venetiis], Apud Simonem Occhi Bibliopolam, 1741.

 

Zanichelli 1997

Giuseppa Z. Zanichelli, Miniatura a Mantova nell’età dei Bonacolsi e dei primi Gonzaga, «Artes», 5 (1997), pp. 36-71.

 

Crediti

Scheda di Francesca Gambino 30.01.2021.