Canzone paraliturgica in latino e franco-italiano

  • Titoli: Canzone paraliturgica in latino e franco-italiano.
  • Datazione: XV secolo.
  • Lingua: Latino, provenzale e franco-italiano.
  • Tipologia di testo: Canzone paraliturgica bilingue conservata in graduale-tropario valdostano del XV secolo.

Contenuto

Sono molteplici le testimonianze della diffusione e della circolazione della lingua francese nella Valle d’Aosta del XV secolo non solo come idioma colto ed elitario ma anche come lingua veicolare, parlata nella vita quotidiana della sua popolazione: basti pensare alle centinaia di graffiti, iscrizioni e incisioni spontanee custodite nei castelli di Quart, di Fénis e di Issogne, che sono state tracciate nel corso dei secoli dalla mano degli abitanti di queste dimore, tanto da esponenti della nobiltà e del clero che da domestici, operai, artisti e artigiani, viaggiatori e pellegrini provenienti dai diversi paesi dell’Europa occidentale (cfr. Costa 2017).

Altre attestazioni scritte dell’uso del francese presso il popolo minuto provengono, invece, da manoscritti contenenti canti popolari natalizi di origine francese, i cosiddetti Noëls, brani devozionali e moraleggianti, nonché composizioni paraliturgiche, sempre in lingua oitanica, fra le quali va annoverata una breve canzone in latino, provenzale e in franco-italiano conservata nel Graduale-Tropario-Sequenziario-Kyriale del XV secolo proveniente dalla cittadina di Roisan, ed oggi custodito presso la Biblioteca del Seminario Maggiore di Aosta con la segnatura 13 (9 E 19), la quale recita nel refrain: Fulget hodie – de l’espina la flour; / Sol iusticie – nos a doney s’amour.

Bibliografia

Harrison, Frank

1965     Benedicamus, Conductus, Carol. A Newly-discovered Source, in «Acta Musicologica», 37 (1965), pp. 35-48.

 

Mombello, Gianni

1994     Analyse philologique d’un noël conservé dans deux manuscrits du Grand Séminaire d’Aoste, in Le culte et ses rites: des témoins manuscrits aux expressions de la dévotion populaire, a cura di Maria Costa, Aosta, Imprimerie de la Vallée, 1994, pp. 169-213; ora in Chascun homme est ung petit monde’. Études de Gianni Mombello sur les XVe et XVI siècles, a cura di Paola Cifarelli e Maria Colombo, Torino Rosenberg & Sellier, 2008, pp. 39-64: 62.

1996a   Considérations sur l’origine d’un genre littéraire populaire: le noël. Nouveaux documents, in «Mémoires de l’Académie de Savoie», VIIe série, IX (1996), pp. 181-230; ora in Chascun homme est ung petit monde’. Études de Gianni Mombello sur les XVe et XVI siècles, a cura di Paola Cifarelli e Maria Colombo, Torino Rosenberg & Sellier, 2008, pp. 65-98: 81.

1996b   Nouvelle hypothèse sur l’origine du noël, un genre gallo-roman de chanson populaire, in «Revue de l’AMOPA», 135 (1996), pp. 13-15; ora in Chascun homme est ung petit monde’. Études de Gianni Mombello sur les XVe et XVI siècles, a cura di Paola Cifarelli e Maria Colombo, Torino Rosenberg & Sellier, 2008, pp. 99-104.

1996c   À l’origine du noël. Le témoignage de trois manuscrits valdôtains, in ‘Einsi firent li ancessor’. Mélanges de philologie médiévale offerts à Marc-René Jung, édités par Luciano Rossi, avec la collaboration de Christine Jacob-Hugon et Ursula Bähler, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1996, vol. II, pp. 656-681; ora in Chascun homme est ung petit monde’. Études de Gianni Mombello sur les XVe et XVI siècles, a cura di Paola Cifarelli e Maria Colombo, Torino Rosenberg & Sellier, 2008, pp. 105-123.

 

Strohm, Reinhard

1993     The Rise of the European Music, 1380-1500, Cambridge, Cambridge University Press, 1993, p. 331.

 

Crediti

Scheda a cura di Serena Modena.
Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2019.