Frammenti di una Bibbia francese di origine napoletana

  • Titoli: Frammenti di una Bibbia francese di origine napoletana
  • Datazione: Intorno alla metà del XIV secolo.
  • Forma del testo: Prosa.
  • Lingua: Francese di Napoli.
  • Tipologia di testo: Lacerti di un manoscritto eseguito dallo stesso copista del codice fr. 688 della Bibliothèque nationale de France contenente, fra gli altri, il volgarizzamento dell’Historia Normannorum di Amato di Montecassino, che fu realizzato su commissione di Ruggero da Sanseverino, conte di Mileto, negli anni Quaranta del Trecento.

Contenuto

Frammento di una Bibbia francese di origine napoletana databile intorno alla metà del XIV secolo e conservato a Parigi presso l’École des Beaux-Arts (ms. 627). Il frammento, che è stato scoperto e segnalato da Andrea Improta e Fabio Zinelli nel 2015, sembra essere opera dello stesso traduttore cui si deve la raccolta di testi storici in lingua francese tradita dal manoscritto fr. 688 della Bibliothèque nationale de France, che, realizzata su commissione di Ruggero da Sanseverino, conte di Mileto, comprende il volgarizzamento dell’Historia Normannorum di Amato di Montecassino, la cui versione originale in latino è andata perduta.

Il bifolio in questione, appartenuto al collezionista francese Achille-François Wasset, contiene parte del quarto Libro dei Re (Rg. IV 11, 14-21; 12, 1-12; Rg. IV 17, 9-27). Non è invece attualmente rintracciabile un terzo foglio della Bibbia che fu di proprietà dell’antiquario di Strasburgo Robert Forrer. Per la conoscenza di questo foglio disperso si dispone solo della riproduzione del recto inserita nel volume del 1907 in cui lo stesso Forrer (Unedierte Federzeichnungen, Miniaturen und Initialen des Mittelalters, II, Strasburg, Schlesier & Schweikhardt, 1907, p. 9 e tav. XVI) rendeva nota la sua collezione. Esso reca un passo del primo Libro dei Maccabei (Mac. I 6, 54-63; 7, 1-3).

Lo stile della decorazione di tali fogli si avvicina anche ad altre produzioni di ambiente napoletano e di età angioina, come il Breviario di Madrid (Biblioteca Nacional, ms. vit. 21-6) eseguito da Cristoforo Orimina e da altri miniatori napoletani negli anni quaranta o alla metà del Trecento e la Bibbia napoletana di Torino (Biblioteca Reale, ms. Varia 175) databile al quinto decennio del Trecento.

Molti sono i tratti linguistici che il frammento ha in comune con le traduzioni del ms. fr. 688, uno fra tutti il meridionalismo miege per “mezzo”.

Il frammento di recente scoperta accresce dunque il numero dei manoscritti francesi prodotti a Napoli nel quale figura, come è noto, anche la celebre Bible moralisée angioina (Paris, Bibliothèque nationale de France, fr. 9561), la cui realizzazione è iniziata probabilmente sotto Roberto I (1309-1343) ed è terminata nella prima parte del lungo regno di Giovanna I (1343-1382), ed è corredata di miniature accompagnate da ampie didascalie francesi di varie mani italiane (cfr. Zinelli 2012).

Bibliografia

Avril, François

1984     Dix siècles d’enluminure italienne (VIe-XVIe siècles). Catalogue de l’exposition dans la Galerie Mazarine 8 mars – 30 mai 1984 par François Avril. Rédaction par Yolanta Zaluska (notices 1-16 et 18), Marie-Thérèse Gousset (notices 19-44), François Avril (notices 17 et 45-159) et Michel Pastoureau (notices 160-177). Avec une préface de Alain Gourdon. Index et Bibliographie par Claudia Rabel, Paris, Bibliothèque Nationale, 1984, pp. 76-78.

1986     Un atelier «picard» à la Cour des Angevins de Naples, in «Zeitschrift für Schweizerische Archäologie und Kunstgeschichte», XLIII (1986), pp. 76-85.

 

Improta, Andrea

2010     Modelli bolognesi (e umbri) nella miniatura napoletana della prima età angioina, in Napoli e l’Emilia. Studi sulle relazioni artistiche. Atti del convegno internazionale di studi (Santa Maria Capua Vetere, 28-29 maggio 2008), a cura di Andrea Zezza, Napoli, Luciano Editore, 2010, pp. 31-40.

 

Improta, Andrea – Zinelli, Fabio

2015     Frammenti di una nuova Bibbia napoletana, con alcune riflessioni sul ms fr. 688 della Bibliothèque nationale de France, in Boccaccio e Napoli. Nuovi materiali per la storia culturale di Napoli nel Trecento. Atti del convegno Boccaccio angioino. Per il VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, Napoli-Salerno, 23-25 ottobre 2013, a cura di Giancarlo Alfano, Emma Grimaldi, Sebastiano Martelli, Andrea Mazzucchi, Matteo Palumbo, Alessandra Perriccioli Saggese, Carlo Vecce, Firenze, Franco Cesati Editore, 2015, pp. 81-106: 87.

 

Lee, Charmaine

2015    Letteratura franco-italiana nella Napoli angioina?, in «Francigena», 2 (2015), pp. 83-108: 97.

 

Minervini, Laura

2015     Il francese a Napoli (1266-1421). Elementi per una storia linguistica, in Boccaccio e Napoli. Nuovi materiali per la storia culturale di Napoli nel Trecento. Atti del convegno Boccaccio angioino. Per il VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, Napoli-Salerno, 23-25 ottobre 2013, a cura di Giancarlo Alfano, Emma Grimaldi, Sebastiano Martelli, Andrea Mazzucchi, Matteo Palumbo, Alessandra Perriccioli Saggese, Carlo Vecce, Firenze, Franco Cesati Editore, 2015, pp. 151-174.

 

Perriccioli Saggese, Alessandra

1988-1989        Miniature umbro-assisiati nella Napoli angioina: il Breviario I B 20 della Biblioteca Nazionale, in «Prospettiva», LIII-LVI (1988-1989), pp. 114-119.

2013     A proposito di alcuni libri di medicina a Napoli nel XIV secolo, in Manoscritti scientifici miniati fra tradizione classica e modelli arabi, a cura di Teresa D’Urso e Alessandra Perriccioli Saggese, Battipaglia, Laveglia & Carlone, 2013, pp. 63-76.

 

Zinelli, Fabio

2012     “je qui li livre escrive de letre en vulgal”: scrivere il francese a Napoli in età angioina, in Boccaccio angioino: materiali per la storia di Napoli nel Trecento, a cura di Giancarlo Alfano, Teresa D’Urso e Alessandra Perriccioli Saggese, Bruxelles, Lang, 2012 («Destini incrociati», 7), pp. 149-173: 159-160.

Crediti

Scheda a cura di Serena Modena.
Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2019.