Ordinanza in francese di Carlo I d’Angiò del 27 ottobre 1277

Contenuto

Ordinanza in francese emanata a Foggia il 27 ottobre 1277 da Carlo I, nella quale fu stabilito che tutti i proventi del Regno di Sicilia dovessero affluire nella tesoreria, scorporata dalla camera e allocata a Napoli nel Castello di S. Salvatore a Mare, o Castel dell’Ovo. La nuova istituzione fu affidata alla custodia di tre tesorieri di fiducia del sovrano, due francesi (Guillaume Boucel, di Parigi, e Pierre Boudin, di Angers) e un italiano (Riso della Marra, di Barletta), soggetti al controllo dei maestri razionali e personalmente responsabili delle somme di denaro che venivano loro consegnate.

Nell’ordinanza Carlo I prescrisse l’uso del francese in luogo del latino per i mandati ai tesorieri e la loro contabilità (ovvero le apodisse, ricevute che i tesorieri rilasciavano ai funzionari incaricati di effettuare i versamenti, e le antapoche, cedole appositamente ideate per scongiurare le falsificazioni dell’ammontare del versamento, che ogni funzionario restituiva a sua volta ai tesorieri, e nelle quali la somma indicata doveva essere conforme a quella dell’apodissa). I tesorieri avevano poi il compito di aggiornare quotidianamente due quaderni, uno in francese e uno in latino, con le somme incassate, che venivano sottoposti periodicamente ai revisori dei conti, dal lavoro dei quali si ottenevano ulteriori registri.

Si è ritenuto che l’adozione stessa della lingua d’oïl per questi documenti fosse, in un contesto alloglotto come quello napoletano, una misura di precauzione contro la loro temuta falsificazione, in quanto doveva essere più difficile per un italiano falsificare un documento in francese che non un documento in latino.

La produzione di queste scritture in francese da parte degli ufficiali del Tesoro si interruppe comunque pochi anni dopo (a partire dal 1283, anno in cui Carlo II, vicario per il padre, convoca il parlamento di San Martino), a favore esclusivamente del latino e in linea con tutti gli altri documenti giuridici, politici e amministrativi provenienti dalla cancelleria angioina.

Bibliografia

Boüard, Alain de

1933 e 1935     Documents en français des archives angevins de Naples (règne de Charles Ier), transcrits par Paul Durrieu et Alain de Boüard; publiés par Alain de Boüard, Paris, E. de Boccard, vol. I, Les Mandements aux trésoriers, 1933; vol. II, Les Comptes des trésoriers, 1935.

 

Delle Donne, Roberto

1994     Le cancellerie dell’Italia meridionale (secoli XIII-XV), in «Ricerche Storiche», XXIV, 1994, pp. 361-388: 377-378.

 

Durrieu, Paul

1883     Notice sur les registres angevins en langue française conservés dans les archives de Naples, in «Mélanges d’archéologie et d’histoire publiés par l’École française de Rome», 3, 1883, pp. 3-33: 12-15.

 

1886-1887        Les archives angevins de Naples. Étude sur les registres du roi Charles Ier (1265-1285), Paris, E. Thorin, 1886-1887, 2 voll., I, pp. 97-118.

 

Galasso, Giuseppe

1992     Il Regno di Napoli. Il Mezzogiorno angioino e aragonese (1266-1494), Torino, UTET, 1992 («Storia d’Italia» diretta da Giuseppe Galasso, XV/1), pp. 45-46, 327-328.

 

Kiesewetter, Andreas

1998     La cancelleria angioina, in L’état angevin. Pouvoir, culture et société entre XIIIe et XVIe siècle. Actes du colloque international organisé par l’American Academy in Rome, l’École française de Rome, l’Istituto storico italiano per il Medio Evo, l’U.M.R. Telemme et l’Université de Provence, l’Università degli studi di Napoli ‘Federico II’ (Rome-Naples, 7-11 novembre 1995), Roma, École française de Rome, 1998 (Collection de l’École Rome, 245 / Istituto storico italiano per il Medio Evo, nuovi studi storici, 45), pp. 361-415: 395-398.

 

2004     Il governo e l’amministrazione centrale del regno, in Le eredità normanno-sveve nell’età angioina. Persistenze e mutamenti nel Mezzogiorno. Atti delle Quindicesime Giornate Normanno-Sveve, Bari, 22-25 ottobre 2002, a cura di Giosuè Musca, Bari, Edizioni Dedalo, 2004, pp. 24-68: 63.

 

Mazzoleni, Jole

1987     Storia della ricostruzione della Cancelleria angioina (1265-1434), a cura di Jole Mazzoleni, Napoli, Accademia Pontaniana, 1987 («Testi e documenti di memoria napoletana», 37).

 

Minervini, Laura

2015     Il francese a Napoli (1266-1421). Elementi per una storia linguistica, in Boccaccio e Napoli. Nuovi materiali per la storia culturale di Napoli nel Trecento. Atti del convegno Boccaccio angioino. Per il VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, Napoli-Salerno, 23-25 ottobre 2013, a cura di Giancarlo Alfano et al., Firenze, Franco Cesati Editore, 2015, pp. 151-174: 156-157.

 

Palmieri, Stefano

2006     La cancelleria del regno di Sicilia in età angioina, Napoli, Accademia Pontaniana, 2006, pp. 76-78, 110, 128-129.

 

Zinelli, Fabio

2012     “je qui li livre escrive de letre en vulgal”: scrivere il francese a Napoli in età angioina, in Boccaccio angioino: materiali per la storia di Napoli nel Trecento, a cura di Giancarlo Alfano, Teresa D’Urso e Alessandra Perriccioli Saggese, Bruxelles, Lang, 2012 («Destini incrociati», 7), pp. 149-173: 154-155.

 

Crediti

Scheda a cura di Serena Modena.
Pubblicazione della scheda: 4 aprile 2018.