Guerra di Federico II in Oriente

  • Titoli: Mémoires; Guerra di Federico II in Oriente.
  • Datazione: Secondo Kohler 1913 (p. V) la datazione della cronaca va fatta senza dubbio risalire al momento stesso in cui si conclusero i fatti storici che ne costituiscono il soggetto. L’ultimo evento descritto è la capitolazione di Tiro e la vittoria degli Ibelin sull’esercito imperiale di Federico II, probabilmente del 1242.
  • Incipit: Ici commence l’estoire et le droit conte de la guerre qui fu entre de l’empereor Federic et messire Johan de Ybelin, seignor de Baruth.
  • Explicit: Et il l’a escrit Johan Le Miege, prizounier, a monseignor Heymery De Milmars, tenant leuc dou chastelain a Cherines.
  • Forma del testo: Prosa.
  • Lingua: Francese antico.
  • Argomento: Racconto della lotta che Giovanni di Ibelin, detto il «Vecchio signore di Beirut», e suo figlio Baliano, capi della loro casata (la più potente non solo del regno di Gerusalemme, ma anche di quello di Cipro), sostennero contro l’imperatore Federico II di Hohenstaufen ed i nobili ciprioti loro rivali, per mantenere una supremazia ormai acquisita nell’Oltremare franco.
  • Tipologia di testo: Il racconto di Filippo da Novara della guerra fra l’imperatore Federico II e Giovanni d’Ibelin ci è pervenuto in tradizione indiretta, e in forma alquanto parziale, essendo stato fortunosamente conservato nelle cosiddette Gestes des Chiprois, una vasta compilazione di storia ciprioto-oltremarina del secondo decennio del XIV secolo messa insieme da un ex paggio di Margherita di Antiochia, moglie di Giovanni di Monfort, signore di Tiro.

Autore

Filippo di Novara

Di origine lombarda, come egli stesso si qualifica in due passaggi dei suoi Mémoires, Filippo fu però considerato a lungo navarrese, per via di alcune inesatte attribuzioni dovute ai copisti medievali; questo almeno fino al 1890, anno in cui Gaston Paris gli restituì finalmente la sua vera patria, Novara.

Testo

Secondo le affermazioni dello stesso Filippo da Novara, i cosiddetti Mémoires dovevano contenere il racconto delle sue origini e delle ragioni che lo indussero a trasferirsi in Oriente, un certo numero di rimes et chansons dedicate all’amore, a temi religiosi, ed alla guerra sostenuta dal suo signore, Giovanni I d’Ibelin, contro l’imperatore Federico II, nonché il racconto vero e proprio di questa guerra che lo vide protagonista in prima persona, al fianco del suo affezionatissimo signore.

I Mémoires di Filippo da Novara ci sono pervenuti in tradizione solo indiretta, e in forma parziale, essendo stati fortunosamente inseriti nelle cosiddette Gestes des Chiprois, una vasta compilazione di storia ciprioto-oltremarina messa insieme nel secondo decennio del XIV secolo da un anonimo redattore, che fu un ex paggio di Margherita di Antiochia, sorella del re di Cipro Ugo III, e moglie di Giovanni di Monfort, signore di Tiro. Paul Riant (1884, 15) propose di identificare il redattore delle Gestes des Chiprois con Gerardo di Montréal, un giurista cipriota autore di una importante raccolta di Assises oggi perduta ma ancora circolante nel XVI secolo. Questa proposta di identificazione è però a giudizio sia di Kohler (1906, CCXLVI-CCXLVII) che di Minervini (2000, 1-2) cronologicamente insostenibile, essendo la raccolta di Assises probabilmente successiva al 1369. 

Le Gestes de Chiprois, considerate oggi una fonte di primaria importanza per la storia oltremarina, godettero di scarso successo presso i contemporanei, essendo state conservate da un unico manoscritto, di umile fattura, il Varia 433 della Biblioteca Reale di Torino. Il ms. in questione è diviso in tre parti: fino alla c. 24 contiene una breve cronaca d’oltremare, di cui, per la perdita del primo quaderno, è sopravvissuto solo il pezzo relativo agli anni 1132-1224, mentre originariamente doveva cominciare con la creazione del mondo, come dichiara il redattore: «Or vos ay mostré les incarnasions des anees de Adan jusques a l’empereor Frederic, quy se disoit anfant de Poille; et dou dit enpereor enjusques au tens en que nos somes, [si] porrés oïr tout par devize des choses quy sont avenues tous les ans, de celes quy a conter font» (Paris – Mas Latrie 1906, 666, § 81). Le cc. 25-93 contengono la cronaca della guerra fra Federico II e gli Ibelin (1223-1242), basata sulle memorie perdute di Filippo da Novara, mentre la parte più cospicua del manoscritto, che va dalla c. 94 fino alla fine, contiene una cronaca di storia d’oltremare dal 1243 al 1309, che include, fra le ultime carte conservate, il racconto del processo ai templari (1307-1314), che costituisce dal punto di vista cronologico l’ultimo evento narrato.  

Come si può dunque constatare, l’anonimo compilatore delle Gestes de Chiprois ha estrapolato dal racconto storico e biografico originario di Filippo da Novara la sola parte relativa alla guerra fra l’imperatore svevo ed il casato degli Ibelin, facendone la seconda sezione – quella centrale – delle sue Gestes de Chiprois (ovvero i paragrafi da 97 a 229, concernenti gli anni 1223-1242), con i cinque componimenti in versi in essa contenuti, costruendovi poi intorno un racconto continuo della storia degli stati crociati d’oltremare dalle origini al 1314. 

Le memorie di Filippo sulla guerra che gli Ibelin condussero contro l’imperatore Federico II appaiono incorporate direttamente nel tessuto del racconto: «Et par quey l’on peusse meaus entendre [coment] mut et comensa et fu celle guerre, et coment avint que partie des Chiprois se tint vers l’empereor et la plus grant partie vers le seignor de Baruth, Philipe de Nevaire, quy fu á tous les fais et les conseils, et qui mainte fois a esté amés des bons pour le voir dire et haïs des malvais, vous en dira la verité, aucy come en touchant les homes et les grans fais» (Melani 1994: 66, § 1).   

Filippo prende il ruolo di narratore, e si tratta di un narratore di grande talento (cfr. Aslanoff 1997; Minervini 2003, 274), ma il compilatore delle Gestes de Chiprois non rinuncia a controllare l’andamento della narrazione, tagliando ed inserendo, quando gli sembra opportuno, brani presi da altre fonti, come per esempio dalla continuazione della cronaca di Guglielmo di Tiro, nota modernamente con il titolo di Eracles (o Histoires d’Eracles).          

La cronaca di Filippo da Novara contiene molti indizi di una sua conoscenza estesa della letteratura coeva. In più di un’occasione l’autore dà prova di conoscere il Roman de Renart, arrivando a  comporre persino ciò che corrisponde ad una nuova branche del romanzo (si tratta di una lunga composizione poetica in ottonari rimati a coppie, dove i protagonisti delle vicende narrate – incluso lo stesso autore – sono rappresentati come personaggi del celebre romanzo francese); egli sfrutta inoltre la favola De leone aegrotante ed allude al ruolo svolto da Guglielmo d’Orange nel Foucon de Candie

 

Fortuna

La seconda sezione delle Gestes des Chiprois è stata la fonte di una compilazione di storia cipriota, di autore anonimo, scritta in italiano (venetizzato), e detta “cronaca di Amadi” dal nome del proprietario del più antico ms., l’umanista veneziano Francesco Amadi, morto nel 1566. Questa cronaca, in molti punti, è quasi una traduzione vera e propria del testo francese.

Un’altra cronaca che contiene un racconto della guerra di Federico II contro gli Ibelin è quella di Florio Bustron, Historia overo Commentarii de Cipro. Stando a quanto egli stesso dice, il suo testo deriverebbe direttamente dal premier livre di Filippo da Novara. Ma una simile derivazione sembra da escludersi: è più probabile infatti che Florio Bustron si sia limitato a rimaneggiare il racconto della quasi coeva cronaca di Amadi, che comunque non cita fra le sue pure numerosissime fonti (Tolomeo, Plinio, Livio, Ovidio, Tucidide, Erodoto, Omero, Pindaro, Plutarco, Strabone, Pausania, ecc.). Cfr. Melani 1994, 8; Minervini 2000, 14.       

Manoscritto

Torino, Biblioteca Reale, Varia 433

Contiene Les Gestes des Chiprois, un’ampia compilazione di storia ciprioto-oltremarina in antico francese, ad opera probabilmente del giurista Gérard de Montréal. La seconda sezione di questa compilazione, che va dalla c. 25r alla c. 94 – bianca per segnarne lo stacco dalla terza ed ultima parte –, è costituita dal racconto, pervenutoci in tradizione indiretta, delle memorie personali di Filippo da Novara sulla guerra in Oriente fra il suo signore Giovanni d’Ibelin il Vecchio di Beirut e l’imperatore Federico II.

Bibliografia

Edizioni dei cosiddetti Mémoires, o Guerra di Federico II in Oriente, di Filippo da Novara

 Kohler, Charles

 1913    Philippe de Novare, Mémoires, 1218-1243, édités par C. Kohler, Paris, Champion, 1913 («Les Classiques Français du Moyen Âge», 10).

 

 Melani, Silvio

 1994    Filippo da Novara, Guerra di Federico II in Oriente (1223-1242), introduzione, testo critico, traduzione e note a cura di S. Melani, Napoli, Liguori, 1994.

 

 Edizioni complete delle Gestes des Chiprois 

 Raynaud, Gaston

 Les Gestes des Chiprois, in Recueil de chroniques françaises écrites en Orient aux XIII, et XIV, siècles, a cura di G. Raynaud, Genève, Fick, 1887 («Publications de la Société de l’Orient latin. Série historique», 5), par. 97-229.

 

Paris, G. – Mas Latrie, Réné de

 Les gestes des Chiprois, éd. par G. Paris – R. de Mas Latrie, in Recueil des Historiens des Croisades, Documents arméniens, II, Paris 1906, 653-872.

 

 Studi

 Aslanoff, Cyril

 1997    Récit historique et discours poétique dans l’Estoire de la guerre des Ibelins contre les Impériaux de Philippe de Novare, «Le Moyen Âge», 103, 1997, 67-81.

 

 Bart Rossebastiano, Alda

 1979a  Sul disperso ms. di Cérines delle Gestes des Chiprois ora «Varia 433» della Biblioteca Reale di Torino, «Studi Francesi», 23, 1979, 76-9.

 1979b  “La Chanson d’aubedi Filippo di Novara, «Annali dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli, sez. romanza», 21, 1979, 417-424.

 

 Bertoni, Giulio

 1910    Il Duecento, Milano 1910, 75, 359.

 

Beugnot, Arthur August

 1840-41          Notice sur la vie et sur les écrits de Philippe de Navarre, «Bibliothèque de l’École des chartes», II, 1840-41, 1-31.

 

 Bromiley, Geoffrey N.

 1977    Philip of Novara’s account of the war between Frederick II of Hohenstaufen and the Ibelin, «Journal of Medieval History», III, 1977, 325-337.

 1998    Philippe de Novare: another epic historian?, «Neophilologus», 82:4, 1998, 527-541.

 

 Charpentier, Hélène

 1898    Histoire, droit et morale du lignage dans l’œuvre de Philippe de Novare, in Les relations de parenté dans le monde médiéval, «Sénefiance», XXVI, 1989, 325-334.

 

 Foulet, Alfred L.

 1930                    Les Mémoires de Philippe de Novare sont-ils un plaidoyer?, «Romania», LVI, 1930, 419-427.

 

 Fréville, Marcel de

 1888  Les quatre âges d’homme. Traité moral de Philippe de Navarre, publié pour la première fois d’après les manuscrits de Paris, de Londres et de Metz par M. de Fréville, Paris, SATF, 1888.

 

 Jacoby, David

 1984                    La littérature française dans les Etats latins de la Méditerranée orientale à l’époque des croisades: diffusion et création, in Essor et fortune de la Chanson de geste dans l’Europe et l’Orient latin, II, Modena, 1984, 617-646.

 1986                    Knightly Values and Class Consciousness in the Crusader States of the Eastern Mediterranean, «Mediterranean Historical Review», 1, 1986, 98-186.

 

 Kehler, Robert W.

 1973    Philippe de Novare and “Les quatre âges de l’homme“, Ph. Dissertation, Yale University, New Haven, 1973.

 

 Mas Latrie, Réné de

 1886    Chronique de l’Ile de Chypre par Florio Bustron, in Mélanges historiques. Choix de documents, vol. 5, Paris, Imprimerie nationale, 1-531 («Collection de documents historiques sur l’histoire de la France. Mélanges historiques»).

 1891    Chronique d’Amadi et de Strambaldi, publiée par R. de Mas-Latrie, 1re partie : Chronique d’Amadi, Paris, Imprimerie nationale, 1891 («Collection de documents historiques sur l’histoire de la France. Mélanges historiques»).

 

 Melani, Silvio

 1988                    A proposito dei Mémoires attribuiti a Filippo da Novara, «Studi Mediolatini e Volgari», 34, 1988, 97-127.

 1995                    Lotta politica nell’Oltremare franco all’epoca di Federico II, in Federico II e le nuove culture. Atti del XXXI Convegno storico internazionale (Todi, 9-12 ottobre 1994), Spoleto, Centro italiano di studi sull’alto Medioevo, 1995, 89-111.

 

 Minervini, Laura

 2000             Cronaca del templare di Tiro (1243-1314), ed. a cura di L. Minervini, Liguori, Napoli, 2000.

 2001              Outremer, in Lo spazio letterario del Medioevo, 2, Il Medioevo volgare, a cura di P. Boitani-M. Mancini-A. Varvaro, I, 2, La produzione del testo, Roma 2001, 611-648.

 2003              Les Gestes des Chiprois : macrotesto storico dell’Oriente latino, in Macrotesti fra Oriente e Occidente. IV Colloquio Internazionale “Medioevo Romanzo e Orientale” (Vico Equense, 26-29 ottobre 2000), Catanzaro, Rubbettino Editore, 2003, 269-277.

 2004               Les Gestes des Chiprois et la tradition historiographique de l’Orient latin, «Le Moyen Âge», CX, 2, 2004, 315-325.

 2005                Filippo da Novara, in Federiciana, 2005.

 2006                 Il francese negli Stati Crociati: testi e contesti, «Critica del Testo», IX, 2006, 853-870.

 

Nordahl, Helge

 1988                    Det forstandige måtehold. Philippe de Navarres tanker om barndommen, i en avhandling fra ca. 1260, «Collegium medievale», I, 1988, 43-54.

 

 Paris, Gaston

 1890    Philippe de Novare, «Romania», 19, 1890, 99-102.

 1902    Les Mémoires de Philippe de Novare, «Revue de l’Orient latin», 9, 1902, 164-205; poi in Mélanges de littérature française du Moyen Âge, éd. Mario Roques, Paris, Champion, 1912, 427-470.

 

 Riant, Paul

 1884    VIIIe Rapport du Secrétariat-Trésorier (11 juin 1884), in IXe Séance Générale de la Société pour la publication de textes relatifs à l’histoire et à la géographie de l’Orient Latin, Genève, Fick, 7-20 [appendice agli Archives de l’Orient Latin 2, 1884].

  

 Richter, Paul

 1892    Beiträge zur Historiographie in den Kreuzfahrerstaaten, vornehmlich für die Zeit Kaiser Friedrichs II., I, Das Geschichtswerk des Philippe de Novaire, «Mitteilungen des Instituts für österreischen Geschichtforschung», XIII, 1892, 255-310 [rettifiche riportate nel numero seguente della rivista, XV, 1894, 593-595].

 

 Schulze-Busacker, Elisabeth

 2009    Philippe de Novare, les Quatre âges de l’homme, «Romania», 127, fasc. 1-2, 2009, 104-146.

 

 Spampinato Beretta, Margherita

 1997    Filippo da Novara (Navarra), in Dizionario Biografico degli Italiani – Volume 47 (1997).

 

 Zink, Michel

1985    La subjectivité littéraire. Autour du siècle de Saint Louis, Paris, PUF, 1985, 207-220.

 

Crediti

Scheda a cura di Serena Modena.
Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2013.