Rustichello da Pisa

Rustichello intento a scrivere

Rustichello da Pisa, detto anche Rusticiano e Rustigielo (Rusticiaus de Pise nel ms. 1463 della Bibliothèque Nationale de France), è noto soprattutto per avere scritto il Milione insieme a Marco Polo durante la comune prigionia nel carcere di Genova.

Di origine pisana, fu presumibilmente catturato dai genovesi nella battaglia della Meloria del 1284.

Quando Marco Polo fu imprigionato nel 1298, forse dopo la battaglia di Curzola tra genovesi e veneziani, raccontò il suo viaggio a Rustichello, che subito ne diede una versione scritta.

Tra il 1272 e il 1298 Rustichello aveva già scritto in francese la Compilation arthurienne, una compilazione in prosa ispirata ad alcuni romanzi arturiani, ritenuta una della principali fonti della successiva produzione italiana di testi cavallereschi.

I prologhi della compilazione arturiana e del Devisement dou monde (la redazione franco-italiana del Milione) ci offrono le uniche informazioni sulla persona e sulle circostanze della composizione. Dopo aver invitato all’ascolto e alla lettura imperatori e re, principi, duchi e conti, baroni e cavalieri, valvassori e boghesi, nel prologo della compilazione Rustichello afferma di aver tratto le sue storie da un libro appartenenente al re Edoardo di Inghilterra al tempo in cui questi attraversò il Mediterraneo alla volta della Terrasanta. Si tratta verosimilmente di Edoardo I, figlio di Enrico III Plantageneto, il quale, non ancora re, partecipò nel 1270 all’ultima cociata organizzata dal re di Francia Luigi IX e dalla quale tornò nel 1272 compiendo un viaggio attraverso l’Italia e la Francia che si protrasse fino al 1274.

Nel prologo del Devisement dou monde Rustichello ci dice invece che la collaborazione con Marco Polo nella stesura del livre avvenne nelle carceri di Genova nel 1298. Sono dunque questi i punti di riferimento per collocare l’attività letteraria di Rustichello, che probabilmente apparteneva a una dinastia notarile. Rustichelli compaiono infatti in alcuni documenti relativi a notai pisani della seconda metà del Duecento e in tal senso potebbe interpretarsi la qualifica di maistre (< MAGISTER) che accompagna il nome nelle sue opere.

Opere

Compilation arthurienne

Compilazione in prosa francese, scritta da Rustichello da Pisa tra il 1272 e il 1298, ritenuta una della principali fonti della successiva produzione italiana di testi cavallereschi.

Il Milione

Scheda in fase di elaborazione a cura di Alvaro Barbieri.

Crediti

Scheda a cura di Francesca Gambino

Ultimo aggiornamento: 22 aprile 2013