Agnès et Meleus

Contenuto

L’anonima novella Agnès et Meleus racconta l’ingegnosa vendetta della giovane Agnès nei confronti dell’avaro marito, un usuraio, che le vieta l’acquisto degli abiti nuovi che tanto desidera per recarsi a una festa. La meschinità dell’uomo sarà da lei punita rivelando a Meleus, il fratello di una sua damigella che da lungo tempo la ama, il luogo in cui il marito tiene nascoste le sue ricchezze, affinché se ne impossessi per comprare torri e fortezze. L’astuto piano di Agnès sortisce il risultato sperato, perché l’usuraio, ridotto in miseria, muore per la disperazione, e Meleus, divenuto il più ricco signore del paese, può così sposarla. Significativa è l’ambientazione del racconto in una città chiamata «Altilie»: il toponimo proveniente dalle leggende attilane è infatti «attestato soltanto in testi di origine italiana» (cfr. Morlino 2013: 53-54; Morlino 2015: 37 n. 183). Nella novella è citata la ballata «Dame mal mariée, Deus vous don bon ami». Del testo si conosce un’unica copia, tràdita dal ms. Pl. 76.79 della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, cc. 38r-43v, databile tra la fine del XIII e l’inizio del XIV, ed esemplato probabilmente in Emilia o in Veneto occidentale (cfr. http://www.mirabileweb.it/manuscript/firenze-biblioteca-medicea-laurenziana-pl-76-79-manuscript/38144).

Bibliografia

Bossuat, Robert

1951     Manuel bibliographique de la littérature française du Moyen Âge, Melun, Librairie D’Argences, 1951: 398.

 

Meyer, Paul

1879     Notice du ms. Plut. LXXVI n° 79 de la Laurentienne (Florence), in «Bulletin de la Société des anciens textes français», V, 1879, pp. 72-95: 75-77 e 86-95.

 

Morlino, Luca

2013     Appunti sul personale epico e la geografia dell’Aquilon de Bavière di Raffaele da Verona, in «Écho des études romanes», IX/1 (2013), pp. 51-63: 53-54.

2015     Spunti per un riesame della costellazione letteraria franco-italiana, in «Francigena», 2015, 1, pp. 5-81: 22-23.

 

Söderhjelm, Werner

1910     La nouvelle française au XVe siècle, Paris, Champion («Bibliothèque du XVe siècle», 12), 1910, pp. 26-28.

Crediti

Scheda a cura di Serena Modena.
Pubblicazione della scheda: 31 gennaio 2018.